Galleria

AUDENTES FORTUNA IUVAT

Ha chiuso la telefonata.
Ci siamo guardati e ci siamo dati il cinque.
Abbiamo iniziato a ridere, tanto e forte.
Sembra incredibile anche a noi. Ci avevano detto che c’era questa possibilità e di provare.
Non avevamo niente da perdere e ci abbiamo provato.
Lo hanno preso!
Hanno letto il suo splendido curriculum e deciso di intervistarlo; ha sostenuto il colloquio per telefono, in viva voce con diverse persone da un altro Paese, in due lingue diverse dall’italiano. Abbiamo atteso quasi due settimane ed è arrivato il responso: preso!  Contratto di un anno, rinnovabile.
Proprio stamattina mi ero svegliata molto depressa.
C’era ancora tanto da fare, nessuna novità sul lavoro; mi sembrava tutto inutile questo affanno e molto, molto pericoloso, perché la data si avvicina sempre di più e trasferirsi senza neanche una certezza di impiego, iniziava a rendermi nervosa. Io che ho sempre avuto la fissazione di voler organizzare tutto e cercato sicurezze, mi ritrovavo per la prima volta nella mia vita in un mare di probabilità e rischi, senza appigli e senza rete di protezione. Non ho mai azzardato, sono sempre stata troppo controllata, alla fine mi sono scoperta noiosa e monotona.
Ci siamo dati la mano e abbiamo saltato e sotto il dirupo c’era tanta acqua fresca e limpida pronta ad accoglierci.
Quanta vita ho sprecato finora? Quante altre volte, in tante occasioni, sarebbe bastato solo un po’ di coraggio in più per ottenere un risultato.
Sono felice di averlo scoperto, di aver sperimentato un nuovo modo di affacciarmi alla vita, senza tutti quei freni che mi sono sempre autoimposta per paura di sbagliare.
Adesso aspetto il responso del mio colloquio e forse non lo avrò superato, o forse si: la cosa più importante è averci provato.
Tra pochi giorni partiremo con un lavoro in tasca e l’assicurazione sanitaria a cui tanto ambivamo.
E così la frustrazione per il rifiuto dello Stato dopo quasi 30 anni di carriera, la delusione per l’esperienza nel volontariato, l’impossibilità di aprire una propria pasticceria o di essere assunto alla sua età in Italia, lasciano il posto alla soddisfazione per aver dimostrato ancora una volta, di essere una persona fuori dal comune e questo suo successo non è solo fortuna.
Se le qualità ci sono, alla fine vengono riconosciute; magari non a casa tua, ma a migliaia km di distanza.
Abbiamo tentato di vendere la macchina per 2 mesi con volantini, passaparola, Fb, annunci on line. Niente di niente.
Alla fine abbiamo tagliato tanto il prezzo ed inserito un annuncio su un sito nazionale. Partiremo presto. Dopo aver avuto paura di non riuscire a sistemare il tutto in tempo, l’abbiamo venduta, pochi giorni prima della partenza, ad un commerciante del nostro stesso paese che non aveva mai letto il nostro annuncio affisso dal benzinaio; ci siamo passati davanti centinaia di volte in questi ultimi mesi e siamo riusciti a raggiungerlo solo tramite internet.
Tutto sembra incastrarsi perfettamente e mi fa quasi paura.

Nel momento in cui uno si impegna a fondo, anche la provvidenza allora si muove. Infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero mai avvenute.
Qualunque cosa tu possa fare o sognare di poter fare, incominciala!
L’audacia ha in sé genio, potere e magia. W. Goethe

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...